Saggistica

tamarrows copertina.jpg

Bisogna fare un tentativo, almeno un tentativo: riappropriarsi della cultura, della lettura, uscendo dal gorgo in apparenza inestricabile dei Social Network che incitano molto più alla polemica e all'aggressività sterile che alla riflessione.
Il personaggio che ho voluto tratteggiare in Tamarrow's Land ricorda vagamente il Napalm 51 interpretato da Crozza: sconfitto dalla vita di cui si immaginava non solo protagonista ma anche  detentore, emarginato dalla vita anche a causa dai suoi comportamenti, trasforma il solipsismo in cattiveria, la cattiveria in misantropia, condita da una generosa dose di misoginia. La sua Weltanschauung è nichilista, al limite del catastrofismo: è perennemente rivolto al passato e stenta ad adeguarsi non solo al futuro possibile ma persino al presente da cui si sente escluso.

Ho tentato, in questo affresco che ha la tavolozza intrisa nei colori della filosofia, di evidenziare come non vi sia nulla nella storia dell'Uomo che possa essere considerato astratto, avulso, dai modelli filosofici: modelli che definiscono orientamenti, possibilità, schemi interpretativi.
Allo stesso modo ho avviato una riflessione, nella parte conclusiva, che mi auguro possa diventare una base comune di interpretazione: una riflessione che individua nella riappropriazione culturale
dei termini della Sobrietà non solo un rifiuto, che sarebbe antistorico, del Consumo in quanto tale, ma una diversa modalità di Consumo, una logica di condivisione e compartecipazione ai modelli di
sviluppo, di produzione, di ricerca e di consumo, coerenti con l'andamento demografico planetario e in grado di compensare, eliminare sarebbe impossibile, le differenze economiche e sociali che
costringono la maggioranza della popolazione in un desolato contesto di miseria, di precariato, di assenza di opportunità.

Filosofia dell'Eros-1.jpg

Parallelamente allo sviluppo della globalizzazione economica abbiamo assistito alla liberalizzazione delle manifestazioni più estreme dell'erotismo e della sessualità: un fenomeno che non solo ha mandato in soffitta i precedenti schemi relativi all'Eros, alla Sessualità e all'Amore ma sta determinando la scomparsa della Filosofia tradizionale, come se al di fuori dell'individualismo esasperato non esistessero più tematiche valide per la speculazione e l'indagine al di fuori delle indagini sociologiche ed economiche. Ironizzando sul famoso Eros e Civiltà di Herbert Marcuse l'autore prova a tracciare lo scenario entropico della filosofia attuale partendo dall'analisi della filosofia classica e del vissuto quotidiano.

ULISSE_copertina_kindle.jpg

La Figura e la Metafora di Ulisse sono il filo conduttore per una ricerca sulla Libertà dell'Uomo, sul rapporto tra Individuo e Collettivo, sulla relazione tra Libertà e Potere, sulla concezione filosofica della Libertà nell'evoluzione del pensiero. Giunti all'apoteosi produttiva della globalizzazione e della "Società Liquida" come è definibile la Libertà ? Esiste? E' percorribile? E' raggiungibile? O è solo una bella parola, un concetto di riferimento?

bdsm kindle.jpg

Un'approfondita analisi del mondo dell'erotismo esasperato con particolare attenzione a quegli elementi psicologici e comportamentali che lo caratterizzano. Le fasi dell'Imprinting e dell'insorgenza di alcune Parafilie caratteristiche del settore, ma anche e soprattutto il BDSM come sperimentazione, come gioco, persino come Terapia e come percorso di miglioramento di sé attraverso il superamento delle soglie del timore, della paura e del dolore. Indicato  per gli appassionati di psicologia .

Una cavalcata ironica e divertente sull'evoluzione umana e sui cambiamenti intervenuti nella sfera sessuale e dell'erotismo.

 

La storia, i miglioramenti tecnologici, i modelli economici e sociali e il riflesso di quei cambiamenti sulla sessualità e l'erotismo.

 

Iscriviti alla mia mailinglist

© 2020-2023 by Gilberto Borzini 

Centro Studi Filosofia Sociale via carlo dionisotti 12, 13100 Vercelli

c.f. BRZGBR55C24F205Q gilberto.borzini@gmail.com

per Associazione Valore e Territorio